Luca Lanzi

Avv. Luca Lanzi

Avvocato Penalista - Criminologo - Esperto in Scienze Forensi

Dopo aver conseguito la Laurea magistrale in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” nel 2012, l’avvocato Luca Lanzi ha svolto il biennio di praticantato in un prestigioso Studio legale della Capitale, superando l’esame per l’abilitazione all’esercizio della professione forense presso la Corte di Appello di Roma. Iscritto all’Albo degli Avvocati di Roma dal 2015, a soli 27 anni ha iniziato a patrocinare in processi penali di sempre maggior caratura, nel Foro di Roma e su tutto il territorio nazionale.

Approccio e predisposizione della difesa

01

Colloquio con l’assistito

per conoscere la sua versione dei fatti rispetto a quanto gli viene contestato

02

Studio del fascicolo

per aver cognizione degli elementi favorevoli e sfavorevoli alla difesa

03

Individuazione del punto nodale del processo

per cogliere le questioni dirimenti ai fini del buon esito del giudizio

02

Studio del fascicolo

per aver cognizione degli elementi favorevoli e sfavorevoli alla difesa

03

Individuazione del punto nodale del processo

per cogliere le questioni dirimenti ai fini del buon esito del giudizio

04

Investigazioni difensive

per acquisire ulteriori elementi di prova a discarico

05

Scelta della strategia difensiva

I valori

Passione

per il Diritto e la Procedura Penale

Competenza

nel proprio settore di attività

Professionalità

nell'espletamento dell'incarico difensivo

Disponibilità

verso i propri assistiti
 

Bacio estorto alla moglie? È violenza sessuale

Bacio estorto alla moglie? È violenza sessuale

La Corte di Cassazione, nel pronunciarsi in tema di violenza sessuale (art. 609 -bis  c.p.),ha dichiarato inammissibile la richiesta del ricorrente...

Guida in stato di ebbrezza: l’assunzione di farmaci ad alta componente alcolica non esclude il reato

Guida in stato di ebbrezza: l’assunzione di farmaci ad alta componente alcolica non esclude il reato

Con una recente pronuncia la Corte di cassazione, in linea di continuità con l’orientamento giurisprudenziale consolidato in materia, ha...

Rinvenimento di assegni, carte di credito o PostePay smarrite: se chi li rinviene non li restituisce, commette il reato di furto.

Rinvenimento di assegni, carte di credito o PostePay smarrite: se chi li rinviene non li restituisce, commette il reato di furto.

Nell’ipotesi in cui taluno, casualmente, rinvenga cose che, come gli assegni, le carte di credito o le PostePay, risultino inequivocabilmente riconducibili...

Richiedi un appuntamento o informazioni